Abitare e vivere in salute

Penso che quanto indicato nel titolo esprima appieno la volontà dell’uomo dei giorni nostri di abitare in edifici che riescano osmoticamente ad isolare l’habitat interno da quello esterno, facendo in modo che il comfort rimanga inalterato. Senza isolamento le pareti esterne degli edifici fanno passare il freddo e questo fenomeno tende ad abbassare la temperatura degli interni a discapito del … Continua a leggere

Cooperativa Camagni Olmini: alta qualità a prezzi contenuti

Le cooperative sono basate sui valori dell’autosufficienza (il fare da sé), dell’autoresponsabilità, della democrazia, dell’uguaglianza, dell’equità e solidarietà. Secondo le tradizioni dei propri padri fondatori, i soci delle cooperative credono nei valori etici dell’onestà, della trasparenza, della responsabilità sociale e dell’attenzione verso gli altri. Così recita la Dichiarazione internazionale di identità cooperativa, espressa durante il Congresso dell’Alleanza Cooperativa Internazionale tenutosi … Continua a leggere

La cura delle città malate

Da quando l’uomo ha deciso di fermarsi, di occupare il suolo ed edificare su di esso in modo permanente, abbiamo assistito alla nascita delle città, città che sino alla soglia del XX secolo erano ancora in armonia con il clima locale rispettandone gli indirizzi progettuali, ma che con il passare dei decenni si sono trasformate in agglomerati di volumi riempiti … Continua a leggere

SO.G.IM: l’impresa per le imprese

Impresa chiama casa. Partiamo dal presupposto che il nostro Paese vanta, insieme alla Germania, la maggiore estensione di patrimonio immobiliare industriale in tutto il continente europeo. Siamo oggi in una fase che prevede una modernizzazione di questo asset, anche in considerazione dei trend di riconversione e di delocalizzazione.Gli imprenditori considerano gli immobili in funzione del core business, per ottenere una … Continua a leggere

X, Y e Z: l’inclinazione del muro su tre assi

X, Y e Z è il nome ed il principio progettuale della ristrutturazione interna di un appartamento nel centro di Milano. Un nome curioso che deriva dalla parte centrale del progetto, vale a dire l’inclinazione sui tre assi di un muro porta oggetti che, all’interno dell’ambiente, diventa al tempo stesso oggetto d’arredamento funzionale e sfondo d’effetto per l’area della zona … Continua a leggere

Sole: energia pulita

In questi ultimi tempi si è molto parlato di risparmio energetico, utilizzo di energie rinnovabili, di sistemi impiantistici che utilizzando adeguatamente queste energie “non consumano” e non inquinano. Certo è che l’energia meglio spesa è quella non consumata o comunque derivabile da fonte naturale e quindi rinnovabile. I sistemi impiantistici che imbrigliano e sfruttano l’energia solare sono detti sistemi di … Continua a leggere

Il primo esempio di bioarchitettura è opera dell’architetto Maria Elisa Villa

Edifici a risparmio energetico: il primo esempio di edilizia privata realizzato con criteri di biosostenibilità ambientale risale al 1998. L’architetto Maria Elisa Villa ha realizzato 10 anni fa un complesso residenziale a Caponago con tecnologie costruttive e materiali di bioedilizia. Laureata nel 1981 al Politecnico di Milano, l’architetto Villa ha svolto per anni l’attività soprattutto nel settore interni. Esperta in … Continua a leggere

Un appartamento nel centro di Mosca con un’impronta tutta italiana

Un’occasione davvero stimolante! E per di più in un edificio di nuova costruzione nella zona storica di una città così unica e affascinante. Inizialmente sono soprattutto incuriosita dal sapere come l’impresa locale abbia progettato il lay-out dell’appartamento: distribuzione interna articolata in molte stanze, senza allineamenti dettati dalla struttura portante perimetrale, spazi tutti facilmente raggiungibili da un disimpegno centrale. Al di … Continua a leggere

L’architetto: un mestiere in equilibrio tra tecnica e arte

“…..Il nostro mestiere è in bilico tra tecnica e arte e in bilico deve restare perché se lo separi o cadi da una parte o cadi dall’altra …” (Renzo Piano, 2000). La “fase progettuale” è fatta di tanti stati d’animo contraddittori tra loro: è fatta di  serenità e tensione, di calma ed energia, di lentezza e di rapidità. Noi architetti … Continua a leggere